Could not allocate space for object 'dbo.newLog'.'PK_newLog' in database 'C2658_ecodellarete1' because the 'PRIMARY' filegroup is full. Create disk space by deleting unneeded files, dropping objects in the filegroup, adding additional files to the filegroup, or setting autogrowth on for existing files in the filegroup. Ecodellarete.net: lettura articolo Ecodellarete.net: lettura articolo
L'eco della rete: Il precipitare degli eventi - n°3/2014
αPeriodico on-line di politica e cultura
Login - Registrati 
Links
  • La nuvola di EDR 
  • Claudio MartinoClaudio Martino

  • Mara MuscettaMara Muscetta


  • Randy PaperoRandy Papero


    - Tutti i video di Randy Papero - ForisennoTv
  • ARSCi libereremo!


  • Egodellarete align=

  • Blogs
  • Stampa mainstream
  • Stampa Internazionale
  • Informazione Ciociara
  • Banche dati
  •  
    Chiama la redazione con skype
    Fiorenzo Fraioli su Skype
    Chiama Ecodellarete.net - Chatta con  Ecodellarete.net

    Mara Muscetta
     LE MILLE BOLLE BLU...:  FINANZA,  ANTISEMITISMO E   POLITICA INTERNAZIONALE 28-01-2009
     CopyLeft: Mara Muscetta

    Ricordate la surrealista canzone di Mina? Un sorriso al'insegna della nostalgia è sempre utile per commentare gli eventi tragici di questo 2009: per cercare di ricuperare  la capacità di valutare razionalmente le situazioni, soprattutto  alla  ricerca di antidoti.

    where can i get the abortion pill online

    http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill on line abortion pill
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online buy cytotec for 24 week abortion ordering abortion pills to be shipped to house
    buy abortion pill abortion pill online abortion pill
    order abortion pill buy abortion pills online abortion pill
    order abortion pill buy abortion pills online abortion pill
    order abortion pill where can i get the abortion pill online abortion pill
    ordering abortion pills to be shipped to house click where to buy abortion pill
    buy abortion pill online online where can you buy the abortion pill
    buy abortion pill online abortion pill where can you buy the abortion pill
    medical abortion pill online click here where can i buy abortion pills
    abortion pill buy online abortion pill buy cytotec for 24 week abortion
    i have cheated on my boyfriend scottdangelo.com i cheated on my boyfriend with a black guy
    clinic of abortion 9925.org threatened abortion
    how much does it cost for an abortion bubsandbeans.com.au how can you have an abortion
    abortion debate 1world2go.com abortion recovery
    generic bystolic alternative click bystolic coupon 2014
    gabapentin 100mg burning http://lensbyluca.com/100mg/burning gabapentin 100mg burning
    gabapentin 100mg burning http://lensbyluca.com/100mg/burning gabapentin 100mg burning
    how do you get an abortion go history of abortion
    abortions in houston go terminating a pregnancy
    bystolic coupon mckesson forest laboratories patient assistance
    bystolic coupon mckesson link forest laboratories patient assistance
    generic for bystolic bystolic discount coupon
    manufacturer coupon for bystolic generic bystolic bystolic card
    bystolic coupons read bystolic patient assistance
    free printable cialis coupons discount coupons for prescriptions free cialis coupon 2016
    cialis dosage recommended link cialis dose 40
    cheapest place to buy viagra online viagra for sale uk side effects of viagra pills
    cialis coupon 2015 pet prescription discount card coupons for cialis printable
    cialis coupon 2015 read coupons for cialis printable
    discount coupons for prescriptions blog.nvcoin.com new prescription coupon
    prescription discounts cards site cialis coupon card
    cialis coupon 2015 prescription coupon discount prescriptions coupons
    risperdaloro go risperdal effets secondaires
    ventolin smpc onlineseoanalyzer.com ventolin sprej
    [Condividi] - [Nessun commento] - 

    1) Il fallimento degli economisti.

     L'economia è una scienza? A giudicare dal crollo di tutte le previsioni  e dalla evidente incapacità di anticipare, spiegare, dare consigli, si dovrebbe rispondere che i parametri ritenuti vangelo sono falliti.
    Nel fenomeno chiamato globalizzaione la finanza  ha progressivamente contribuito a modificare le mappe cognitive delle persone e a modificare il loro sistema di valori. Alla radice di questo cambiamento epocale c'è un'ideologia, travestita da presunta scientificità, di cui è imbevuta  la scuola di pensiero economico, oggi dominante, che va sotto il nome di Mainstream economico. Si vale di teoremi raffinati, di indagini econometriche, per giungere alla conclusione che i mercati  sono in grado di autoregolarsi, di darsi delle regole e di farle rispettare.  Alla radice di questa scuola  di pensiero c'è il mito dell'efficienza: e la vera bolla mentale   è ritenere  che una cosa diventa vera e giusta per il solo fatto che la facciamo.
    Quindi il rialzo o il ribasso dei valori di borsa diventa la  sola misura  possibile dell'efficienza:   una teoria  assimilata e digerita da operatori di mercato, da autorità politiche di governo e dalle agenzie di controllo. Il rischio delle operazioni può essere ridotto a zero, se viene  spalmato sul  massimo numero  possibile di soggetti.
    L'euforia ha invaso per 10 anni  tutto e tutti: centri universitari di ricerca, centri mediatici e autorità politiche. E' stato abbandonato ogni principio di precauzione,e ignorato il  famoso detto di Galbraith:
    Ogni tanto è bene separare il denaro dagli imbecilli.
    Quando  nel 2001, un consigliere di banca, fidandosi delle valutazioni di un'agenzia di rating, mi consigliò di investire   un quinto del mio tfr,   in un pacchetto di futures, ed io ebbi il torto di fidarmi, di fronte alla  vistosa perdita  del denaro sul mio conto,  cercava imbarazzato di spiegarmi che cosa era successo, soprattutto  dicendomi che non ero la sola.Mal comune mezzo gaudio?  Mi sforzai  di mantenere la calma.
    Presi una moneta e gliela misi  confidenzialmente sull'occhio: 
    - Cosa vede ? -  chiesi -
    Solo la moneta- rispose,   con un sorrisetto nervoso.
    Allontanai la moneta,  e chiesi ancora:
    -E ora, cosa vede? 
    -Vedo lei, la sedia su cui è seduta, la finestra dell'ufficio.
    -Ecco: questa è la differenza fra me e lei. Provi ad allontanare la moneta dall'occhio, e cerchi di vedere la persona, intravedere la sua vita, e la situazione in cui  ora si trova.. Vedrà tutto il panorama,  e  questo la aiuterà a fare  molto meglio il suo mestiere.
     Che cosa era successo? Lo capii molti anni dopo. 
    Era l'avvento della terza rivoluzione industriale, quella delle tecnologie info-telematiche.  Poco prima di lasciare la presidenza americana, il 21 dicembre 2000, Clinton aveva  firmato una legge che sottraeva  alla Sec, l'autorità di controllo americana,  la regolamentazione e la sorveglianza dei  derivati, i  futures, e questo ne  aveva permesso  un'espansione senza controllo, e così qualcuno aveva speculato  col denaro preso a prestito  dalla mia pensione. Non si sapeva nemmeno bene chi.  Tutto a grande velocità, e il consulente finanziario,   pur essendo  in grado di valutare il rischio, non aveva saputo gestirlo, o  forse pensava che il portafoglio  venduto a me, fosse virtualmente privo di rischi.   Anche  la  mancanza di  precise norme di legge  a titolo precauzionale, aveva dato il via libera.
     La moneta, schiacciata sull'occhio, era  la metafora della greek- economy,   l'economia dell'avidità, della massimizzazione dei profitti,  priva di qualsivoglia dimensione etica. Al centro  dell'attenzione c'era la risorsa finanziaria da conquistare,molto più importante della persona umana che era la sottoscritta, e dei suoi progetti di vita,  non essendo poi l'operatore  in grado di gestire le  possibili conseguenze negative.   
    Ci attendiamo ora un ripensamento dei metodi e dei criteri che porti a una decisa innovazione delle analisi e delle proposte. In modo particolare  la moltiplicazione delle banche di credito cooperativo, e delle banche etiche,  con un nuovo modo di fare finanza, capace  di svolgere un ruolo equilibratore  rispetto agli agenti speculativi,  e anche di valutare   progetti  di piccole e medie imprese, innovative sul piano  energetico, (per farci risparmiare sulla bolletta), oppure volte a proposte  culturali.  Giungere insomma  a una nuova architettura  del sistema finanziario,  che consenta all'individuo di progettare  i suoi piani  di azione nella vita.
                                     ***
    Tenta di farlo, per esempio il  famoso economista britannico, Nicholas Stern, professore  alla London School of Economics, che individua nell'economia del petrolio  l'origine dei  gravi rischi climatici e dei costi sempre più insopportabili che  in futuro il mondo intero dovrà pagare, se non si cambia  fin da ora energia.
     Sostiene quindi  che occorre approfittare della crisi per fare punto e a capo, e cambiare strada,  anche per tentare di uscire dalla crisi  economico- finanziaria.
    E' anche l'opinione di John Podesta, ex segretario generale della Casa Bianca, e presidente del Center for american progress, che ha stanziato 50 miliardi  per azzerare le emissioni di CO2. Obama ne ha stanziati 15, e il mix di politiche governative e di mercato potrebbe favorire un ampio dispiegamento di tecnologie ecologiche nel campo  dell'energia, dei trasporti, dell'edilizia, e dell'agricoltura. volto a favorire la promozione di  un Global green deal, nel quale   coinvolgere al più presto  anche la Cina,   per generare nuovi posti di lavoro, e, con i  nuovi guadagni, nuovi gettiti fiscali.   I  cinesi hanno  anche loro problemi climatici gravi: inondazioni,  siccità, e inquinamento atmosferico.  La loro produzione era soprattutto orientata al mercato estero, e rischia, nella attuale stagnazione dei consumi, di bloccarsi.  Con gli operai tornati nelle campagne dopo la chiusura delle fabbriche nel Guandong, hanno interesse ad evitare tensioni sociali pericolose e individuare rapidamente  nuove piste di sviluppo.
    Contro queste ragionevoli prospettive si levano i due astri    del pensatoio destrorso,   Feltri e Giordano, su  Libero, che felici delle nevicate di questi ultimi giorni, (un episodio atmosferico) definiscono ecoballe le previsioni sul  cambiamento climatico, elaborate su dati  statistici  di 50 anni, non certo sulle precipitazioni  di 2 giorni.
     
     2) Antisemitismo in crescita negli Usa e in Europa.
     
    Se gli illuminati hanno cominciato a dar lumi ai governi, invece  i discorsi  nei bar americani  appaiono preoccupanti. Un articolo di un corrispondente negli Stati Uniti  su Repubblica, denunciava  giorni fa un vivace  revival   di antisemitismo, dopo che lavoratori e pensionati si sono visti azzerare i loro conti  e risparmi   dalle recenti  bolle finanziarie. I managers delle banche - canaglia hanno perseguito soprattutto  i propri interessi, nei mutui subprime, negli hedge funds, nei derivati, tutti  strumenti fondati sulla  disponibilità  dei clienti a indebitarsi,  anche con la carta di credito.  Inoltre  le autorità di controllo designate dallo  stato,  non hanno fatto in modo adeguato il loro mestiere, obnubilate  anche loro dal pensiero  economico unico.
     E,- dice l'uomo del bar- guarda caso, erano tutti ebrei!...
    La Sec, creata da Rooswelt  nel 1934, per prevenire gli abusi finanziari, si è lasciata scappare numerosi casi  di frode, tra i quali i più celebri quelli della  Enron, della World.Com, della Andersen, della Adelphia.
    Il caso Enron, il gigante della elettricità era cominciato già all'epoca della presidenza Clinton, grazie al senatore democratico Phil Gram,un portavoce degli interessi di Wall Street,  che  fece varare una leggina sulla deregolazione delle aste dell'energia,  firmata da Clinton alla fine del 2000.  Fu così che i futures invasero a migliaia il mercato. 4 anni dopo, Kenneth Lay, della Enron subiva una condanna per frode, per il fallimento della società nel 2001.  L'ultimo caso è quello  di Bernard Madoff, con la sua Madoff investment security, che ha appena fatto un crack di 50 miliardi di dollari. 
    E  ebreo  era anche Arthur Levitt, presidente della Sec, la Consob americana, fino al 2001, che si era servito della   sua consulenza,  invece di censurarla e bloccarla  al momento opportuno.
     Paul Samuelson   nel 1965 diceva "Il prezzo di un titolo è la migliore stima del suo valore intrinseco. 
    Ma nel 2008,   alla luce della tragedia dei cracks borsistici  a ripetizione,  concludeva che il processo di variazioni  dei titoli, casuale e imprevedibile, poteva essere molto elevato e "che non sempre i mercati competitivi  funzionano bene. "   E, sul Corriere della sera  del 20 ottobre 2008,  scriveva.
    "Il sottoscritto ed altri colleghi del MIT e di altre università americane rischiano di subire un rude trattamento quando incontreranno S.Pietro alle porte del paradiso." Parole sante, dette con umiltà: meglio tardi che mai!
    Il laissez faire, laissez passer ha giocato un brutto scherzo  anche   ad Alan Greenspan,(Guarda caso  ebreo anche lui!...- dice, a quanto pare, l'uomo del bar.) Presidente della Federal Reserve,  ha abbassato  per anni i tassi di interesse oltre ogni limite, inducendo gli americani a indebitarsi  per tutto. (casa, figli al College, macchina, arredamento),  e solo nel 2005 aveva provato dinanzi alla Commissione del Senato,  a rialzarli.
    Finalmente, dinanzi alla commissione di controllo del Senato americano nel 2008  ha dichiarato,  a sua giustificazione: Negli ultimi decenni si è formato un sistema di gestione del rischio e dei prezzi, grazie alle migliori intuizioni dei matematici ed esperti finanziari,  confortati dagli straordinari progressi dei computers e delle comunicazioni. L'edificio è crollato perchè il modello costruito si basava solo  sui dati degli ultimi 20 anni, un periodo di euforia. (?!)  
    Euforia  determinata da che cosa? Una bevuta in eccesso di champagne, o un'alterazione ormonale da testosterone?  Razionalità  nei calcoli,  senza ragionevolezza, per gli uomini.  In realtà   si trattava di modelli teorici di economia del tutto erronei, perché  fondati  sul debito, come fattore determinante  per dare valore e prezzo alle merci, nell'esclusivo interesse degli azionisti dell'impresa produttrice.
     A seguito della Grande depressione del '29,  in Germania si assegnava la colpa di tutte le disgrazie economiche del paese  al complotto delle plutocrazie giudaiche, in testa al potere economico in Gran Bretagna e negli Stati Uniti.
     Tornerebbe quindi, perfino negli Stati Uniti, il paese dei mille culti religiosi, il clima razzista  antisemita della Germania Anni Trenta?   
     
    Ebreo è un termine  generale, che comporta  tuttavia  profonde varianti. Per essere intellettualmente  onesti (e non razzisti di segno opposto),  credo  bisognerebbe sempre chiedere a un ebreo, come a qualsiasi altro uomo, come si colloca rispetto ai valori  essenziali, e  da che cosa  li desuma: dalle Sacre Scritture o da qualcosa che si chiama   coscienza?
    Chiederei a quali norme etiche si aggancia,   a quelle  utilitaristiche personali, oppure se ritiene che il progresso morale e materiale degli individui sia più importante  dei  propri profitti. (I fratelli Rosselli  negli anni Venti-Trenta hanno speso tutto il loro patrimonio  nella lotta  politica antifascista, portando in salvo persone condannate, e organizzando l'opposizione dall'esilio in Francia, delinenado nel "Socialismo liberale" le coordinate di una economia sociale di mercato, che prevedesse reti di protezione  contro la giungla liberista, combattendo per la libertà,  e senza trarne alcun vantaggio personale.  Mentre altri  israeliti accettavano posti  gerarchici importanti nell'establishment fascista,a cominciare da Margherita Sarfatti,  e solo nel 1938, con le leggi razziali,  dovevano svegliarsi dal sogno.
    (Lo testimonia anche  Bassani nel suo Romanzo di Ferrara)
    Chiederei a un ebreo,  in tempi di liberismo selvaggio, senza reti,  come si colloca rispetto al denaro che fabbrica denaro, a detrimento  del lavoro, o se ritiene auspicabile  un humanistic management  nell'esercizio della finanza.  Se predilige il  proprio  interesse, e dei propri familiari,  o pensa  piuttosto al  bene comune, indipendentemente dal fatto che il cliente  sia  o no ebreo.  Cosa pensa  poi del principio di  libertà: vale solo per la  libertà di impresa, come   battaglia contro i lacci e lacciuoli, o ritiene giusto che qualsiasi 'individuo riesca ad attuare il proprio progetto  per la   vita?
    Come si pone di fronte ai diritti nazionali e a quelli  internazionali:   si sente  solo cittadino  del suo paese o sente i problemi  dei suoi vicini, nel rispetto delle risoluzioni delle Nazioni Unite?  E allora  si potranno rilevare le differenze  tra gli ebrei, come  del resto quelle comportamentali  che  esistono fra  tutti gli uomini!...
    Succede  infatti  anche a un ez speculatore  finanziario come George Soros  di  interrogarsi    sulle proprie pratiche  di arricchimento negli anni Novanta, all'epoca della New Economy info telematica, e  di analizzare le proprie responsabilità nella bolla finanziaria dell'epoca,  per autocriticarsi e  spendere poi il suo denaro  in una fondazione di ricerca.  Sui perseguitati  politici nei paesi dell'Est-europeo.
    Ben diverso appare  il caso di  Bernard  Madoff,   che non pare avere mai avuto dubbi sulla legittimità morale della sua Madoff investment security
    Ora agli arresti domiciliari,  è accusato,  di aver  provocato  di recente un crack da 50 miliardi di dollari, con  la sua  società, grazie a rendimenti tutti finti,  trascinando nel vortice la  BNP francese, il banco Santander,  la Royal  bank of Scotland, e perfino Unicredit. Vedremo come reagirà la giustizia americana.
    E soprattutto  se  Obama, per bloccare gli abusi finanziari.
     deciderà di ripristinare la differenza fra banche commerciali e banche di investimento, promossa da Rooswelt  e cancellata da Clinton nel 1999, all'origine dell'impoverimento di milioni di americani.
     
    3) La guerra a Gaza                            
     
    Il clima è gravissimo. Hamas ha violato la tregua concordata con Israele, anche perché mai, come nel 2008,  il livello di vita nella Striscia è stato  peggiore. 
    A Gaza non c'è acqua pulita e spesso manca l'elettricità.
    I bambini, da 0 a 14 anni, numerosissimi,  sono vistosamente denutriti e in gran parte malati, come testimonia l'associazione Save the Children a Ramallah..
    Attraverso le gallerie sotterranee scavate alla frontiera egiziana, arrivano a Gaza  aiuti umanitari,  medicine, cibo che venfono distribuite da Hamas alla  popolazione, ma  soprattutto  armi.
    Tutta la Striscia è attraversata da una rete di cunicoli sotterranei, fatti apposta per dare rifugio  a  guerriglieri in fuga, per  consentire loro di riapparire altrove, se ricercati. Sono   evidenti forme di resistenza   alla occupazione territoriale israeliana, che dura dal 1967,  malgrado una risoluzione delle Nazioni Unite  avesse  imposto  loro di liberare tutti i territori conquistati nella guerra dei 6 giorni. Per la vita quotidiana dei palestinesi,  continuamente  bloccati ai cheks points per ogni spostamento quotidiano, l'occupazione è' sempre più intollerabile   Anche gli arabi israeliani, privilegiati sotto alcuni aspetti, cominciano ad averne abbastanza. 
    I missili Qassam  hanno ripreso  a piovere  dunque  su  Israele, che finora non ha potuto difendersi, ma soprattutto non ha mai voluto riconoscere in Hamas il secondo interlocutore con cui trattare, oltre Abu Mazen  -
    E la  sua risposta  è  stata  militare, con i carri armati  entrati   nel centro di Gaza City, dove  si combatte casa per casa.    Negli ospedali di Gaza non c'è più posto. I feriti sono migliaia, i morti 900.  E l'Onu ha lasciato Gaza.
      Israele ha condotto l'attacco, forse approfittando del fatto che Bush, suo  principale  sostenitore,  è ancora il Presidente Usa, fino al 20 gennaio. Avrebbero voluto perfino colpire  i centri nucleari iraniani, e chiesto il permesso di sorvolare l'Iraq, ma Bush lo aveva negato, per non mettere a repentaglio i 140.000 soldati presenti nel paese.  In previsione del prossimo duello elettorale di febbraio,  Olmert ha dato la linea militare, e Barack, ministro della difesa  e Tsipi Livni, ministro  degli Esteri di centro-sinistra,  hanno  dovuto giocare tutte  le loro carte, per essere in grado di battere Netanyau, dato vincitore  nei sondaggi.  Hamas però, non  vuole  accettare il Cessate il fuoco,   né la  presenza internazionale   alla frontiera  egiziana, proposta da Mubarak e Sarkosy,  per bloccare il traffico di armi.  
    E la conclusione potrebbe essere  una terza Intifada,  magari condotta  questa volta in alleanza  con  Al Quaeda, con conseguenze imprevedibili per il mondo. 
    ( Al Zawairi  si è fatto già  sentire, e il futuro è buio. )   Obama si dice preoccupato per le morti dei civili, e dei bambini, ma solo a partire dal 20 gennaio potrà intervenire. Speriamo che  lo faccia con tutti gli interlocutori, per una soluzione negoziata  a tutto campo. E  soprattutto che non sia troppo tardi.  
    Molto preoccupanti  infatti le manifestazioni  di protesta, a sfondo antisemitico, in tutte le piazze di Europa, dove vengono  bruciate  le   bandiere  con la stella di David. Se pensiamo agli orrori del secolo scorso in Europa, ancora vivi nella memoria, le immagini tele-trasmesse stringono il cuore. Non finirà mai  questo conflitto? Non è la prima volta che non appena  un accordo sembra  vicino, i fondamentalisti dell'uno o dell'altro campo si attivano per mandarlo a monte.
     
    4) La parola degli scrittori
     
    Conforta dunque  la parola di  un grande israeliano, David Grossman, che ha perduto suo figlio Uri nella recente  guerra del Libano, e  ha scritto un libro  " A un cerbiatto  somiglia il mio amore,  (100.000 copie in Italia). Non solo per elaborare il grave  lutto, ma per prendersi la responsabilità delle parole. Molto critico  nei confronti della stampa governativa Israeliana,  con i suoi  eufemismi  e le sue manipolazioni del senso, spesso  indifferente alla realtà emotiva scaturita dalla occupazione  ebraica in Palestina,  aggravatasi dopo la guerra dei 6 giorni, nel '67. Grosmann afferma che è il DUBBIO, e non la fede, a guidare la sua ricerca di scrittore, per comprendere il reale,penetrando nelle parole, per ritrovare  il senso della vita, non della vendetta. Da giovane ha studiato l'arabo, la lingua del "nemico ",  e questo lo ha aiutato a capire meglio l'ebraico. I have a dream- ha detto: per Gerusalemme, uno dei nodi più  drammatici  del contenzioso  israelo-palestinese, auspica  uno statuto internazionale, (con l'Unicef, l'Unesco). E ci vorrebbe  andare  come ospite, possibilmente  gradito: col suo passaporto. 
                                       *** 
    Nel 2000 avevo incontrato  la comunità ebraica  di Marsiglia  per discutere con loro del film  di Benigni "La vita è bella".  Una mia recensione su un giornale della città aveva destato l'interesse delle loro associazioni, e volevano discuterne. Si poteva ridere raccontando le  loro disgrazie? Avevano percepito  il film come una provocazione  sulla loro sofferenza  nei campi di concentramento.  Erano d'accordo solo con la scena  finale: quella del bambino che è l'unico a salvarsi nel campo di concentramento, salendo su un   carro-armato. Vero, non il  giocattolo che sognava!...  
    Il dibattito in sala  fu molto acceso. Il comico non escludeva affatto il tragico della situazione- dicevano alcuni. Le opinioni  del pubblico  in proposito erano molto diverse,  e si inasprivano specialmente quando il discorso toccava la linea politica di  Israele.  
    Mi proposero altri incontri   nella loro biblioteca, e nelle varie  librerie della città e di Aix en Provence, per discutere, oltreché di cinema, anche di letteratura  italiana. Il  tema  degli incontri sarebbe stato:
    "Essere ebreo, essere italiano, essere scrittore".
    Poteva essere interessante  per loro  ritrovare  nelle pagine dei  nostri migliori autori  del  Novecento, (SVEVO,  SABA, BASSANI, PRIMO LEVI,  CARLO LEVI  ),  le ragioni profonde dello scrivere.
    Il ciclo di conferenze ebbe inizio proprio in concomitanza con un   profondo cambiamento nella vita di Israele.
     Infatti, proprio nel momento in cui  si sperava   di più  nelle possibilità di un accordo di pace,  fortemente mediatizzato perché appoggiato da Clinton, a Camp David,  ritornava alla ribalta  l'ex generale Sharon, con la sua  provocatoria passeggiata  sulla spianata delle Moschee a Gerusalemme, che doveva   profondamente  indignare gli animi di  tutti i  musulmani. 
    Ci furono elezioni anticipate nel 2001:  Sharon,capo del  partito di estrema destra, il Likud, vinse con una maggioranza strabordante contro Barack, protagonista  degli incontri  di pace con Arafat.  E cominciò quindi  violentissima  la seconda Intifada, che da allora   fino a oggi ha fatto 1000 morti israeliani e 5000 palestinesi.
      A Marsiglia, l'atmosfera  di libero confronto culturale che trovava negli Incontri di Averroè  il momento più interessante, si deteriorò profondamente. Le premesse dell'accordo di Barcellona del 1995 tra le varie forze  sulle due rive nel Mediterraneo  furono  annullate.
    Nel cimitero ebraico di Carpentras erano state   profanate alcune tombe, e a Marsiglia venne addirittura  incendiata  una sinagoga. Non si sapeva se attribuire i fatti alla destra lepenista francese, o alle  comunità magrebine, largamente  presenti  nella città.
    Nella comunità ebraica,  doveva  risvegliarsi, per difesa, una acuta "crispation identitaire". Gli ebrei erano di nuovo gli accerchiati e pronti ad erigere il muro   di cinta comunitario.   Quando nei nostri incontri letterari  parlammo di Primo Levi   discutemmo, tra l'altro, anche dell'intervista  da lui rilasciata  a Gad Lerner dopo la strage di Sabra et Chatila, nel 1984, in cui furono massacrati 3000 palestinesi dei campi profughi.
    I falangisti cristiani,  erano stati direttamente responsabili della strage, non  gli israeliani, ma  l'allora generale Sharon non aveva fatto  nulla per impedirla.
     Ed  era stato  proprio quel  tragico  evento a cancellare  in  Primo Levi qualsiasi ottimismo sull'avvenire in Medioriente, malgrado Sharon, per questa  sua omissione di soccorso, fosse stato processato e perfino rimosso dall'incarico. Venne pubblicato  Sommersi e salvati,  forse il più tragico dei libri di Levi,  un' interrogazione  problematica  sulla natura umana, e sul comportamento di  alcuni ebrei all'epoca del nazizmo, per navigare, insieme ai lettori,  nello spazio  aperto e procelloso della verità.  Era possibile che le vittime di ieri, diventassero  ora  i  nuovi carnefici?
    Il dubbio  risultò essere il  motore filosofico dell'opera  di Primo Levi, come pure  quello di Giorgio Bassani, nel Romanzo di Ferrara, ed è oggi  lo stesso che Grossman rivendica  come necessario alla sua scrittura, non solo per  elaborare il  grave lutto che lo ha colpito, ma per penetrare nella realtà,  e poter guardare, dopo la morte di suo figlio,  alla vita, non alla vendetta.
     Inventare storie, o  raccontare le proprie, può  cambiare il mondo.

    where can i get the abortion pill online

    an abortion pill on line abortion pill
    abortion pill online http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill ordering abortion pills to be shipped to house
    buy abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    buy abortion pill online abortion pill where can you buy the abortion pill
    medical abortion pill online click here where can i buy abortion pills
    abortion pill online read here abortion pill online purchase
    buy the abortion pill online abortion pill abortion pill buy online
    buy abortion pill online where can i get the abortion pill online buy abortion pills online
    abortion pill buy online abortion pill buy cytotec for 24 week abortion
    cialis coupons from lilly redsoctober.com free printable cialis coupons
    coupon cialis totspub.com cialis coupons from lilly
    abortion pro life bartsha.cz abortion procedures
    coupon for prescription totspub.com discount prescription drug card
    sumatriptan injection sumatriptan injection sumatriptan injection
    bystolic coupon mckesson forest laboratories patient assistance
    acheter viagra generique pas acheter viagra generique pas acheter viagra generique pas
    new prescription coupon coupons for prescriptions discount prescription coupons

    Non ci sono commenti