L'eco della rete: Il precipitare degli eventi - n°3/2014
αPeriodico on-line di politica e cultura
Login - Registrati 
Links
  • La nuvola di EDR 
  • Claudio MartinoClaudio Martino

  • Mara MuscettaMara Muscetta


  • Randy PaperoRandy Papero


    - Tutti i video di Randy Papero - ForisennoTv
  • ARSCi libereremo!


  • Egodellarete align=

  • Blogs
  • Stampa mainstream
  • Stampa Internazionale
  • Informazione Ciociara
  • Banche dati
  •  
    Chiama la redazione con skype
    Fiorenzo Fraioli su Skype
    Chiama Ecodellarete.net - Chatta con  Ecodellarete.net

     Il dentifricio di Paolo Ferrero (adda passà 'a nuttata) 10-05-2013
     CopyLeft: Fiorenzo Fraioli

    Brevi note del vostro umile cronista a margine dell'intervento di Paolo Ferrero in occasione del seminario "La crisi economica e il ruolo dell'Europa. Analisi e proposte per uscire dalla crisi", organizzato da Rifondazione Comunista (4 maggio 2013).

    cialis coupons from lilly open free printable cialis coupons
    abortion debate how expensive is an abortion abortion recovery
    cialis coupon site discount coupons for prescriptions
    transfer prescription coupon go new prescription coupon
    coupon cialis link cialis coupons from lilly
    free discount prescription cards read cialis prescription coupon
    order abortion pill online bartsha.cz misoprostol abortion
    coupon for prescription totspub.com discount prescription drug card
    bystolic coupon mckesson forest laboratories patient assistance
    manufacturer coupon for bystolic generic bystolic bystolic card
    cialis dosage 20mg for sex weekend cialis dose for pulmonary hypertension cialis dose 40
    cialis dosage recommended link cialis dose 40
    cialis coupon 2015 read coupons for cialis printable
    [Condividi] - [Nessun commento] - 
    Seminario PRC: come uscire dalla crisi - Intervento finale di Paolo Ferrero

    Paolo Ferrero: "Io penso tutto il male possibile di quest'Europa fatta sui trattati di Maastricht e quant'altro. Il punto che abbiamo oggi è che oggi il dentifricio è fuori del tubetto, non è più dentro. Noi non stiamo più nella discussione se dobbiamo far uscire il dentifricio oppure no, il dentifricio è fuori, siamo nell'euro!" [Paolo Ferrero - video 19'08''

    Ho ascoltato con attenzione tutto l'intervento di Paolo Ferrero in occasione del seminario  "La crisi economica e il ruolo dell'Europa. Analisi e proposte per uscire dalla crisi" del 4 maggio 2013 a Roma. La frase che ho estrapolato mi sembra importante, sia per quello che dice esplicitamente, sia per quanto vi è in essa di implicito, almeno secondo la mia lettura.

    Dunque il dentifricio è uscito dal tubetto. Siamo cioè nell'euro, è stato un errore entrarvi, ma, secondo Ferrero, è buona prassi tener conto della realtà fattuale. Siamo nell'euro, argomenta Ferrero, e uscirne sarebbe catastrofico perché non è possibile un'uscita consensuale, la sola via che permetterebbe di ridurre il danno (video 21'05''): "la consensualità in questo caso non c'è perché mi sembra, siamo tutti d'accordo, che in questo ambaradàm la Germania ci guadagna e qualcun altro ci perde! E quindi è difficile convincere la Merkel a smetterla di guadagnarci mentre ci sta guadagnando fortemente". Che è come dire che ci siamo messi in società, insieme ad  altri, con Fritz, il quale ci sta fregando tutti ma, se rompiamo la società, ci ritroviamo in mutande. Che fare allora? Ferrero propone una bizzarra soluzione: la disobbedienza.

    Vediamo di perfezionare la metafora. Siamo in società con Fritz, con il quale ci siamo anche indebitati, ma possiamo fregarlo se, tutti insieme, ci rifiutiamo di pagare le rate. Che farà Fritz? Farà saltare la società, con ciò smettendo di guadagnarci? Noooo! Fritz sopporterà, sarà costretto a sopportare, perché (devo dedurne) continuerà comunque a guadagnarci. Magari di meno, ma gli converrà piegare la testa. E così noi soci di minoranza potremo, piano piano, riequilibrare la situazione. Ah certo, Fritz continuerà a guadagnarci, e noi a perdere, ma di meno.

    Può funzionare? Prima di rispondere ancora Paolo Ferrero (video 6'10''): "se l'unico intervento di un non accademico economista è il tuo qui (riferendosi a Mimmo Porcari n.d.r.) forse è perché qualcuno lo ha deciso, e quindi di introdurre quell'elemento nella discussione (l'uscita dall'euro n.d.r.), essendo che non sono 27 anni che ci sono minoranze agguerrite dentro Rifondazione che pongono il problema di uscire dall'euro, ma c'è un accenno di dibattito, appena c'è l'accenno di dibattito questo gruppo dirigente dice 'subito a discutere'".  Insomma, Paolo Ferrero confessa candidamente che solo ora, dopo 27 anni, in Rifondazione qualcuno è ammesso a porre il problema dell'euro!

    Gli ultimi arrivati, i più fessi dei fessi, quelli che solo adesso, a cinque anni dall'annus horribilis in cui l'economia dei paesi periferici è collassata per non più riprendersi (mentre le economie dei paesi "core" sono ripartite di slancio nell'arco di un anno), i più fessi di tutti, dicevo, si fanno avanti per proporre una strategia! E allora esaminiamola questa strategia, sempre usando la nostra metafora. Che magari è sbagliata, ma io non sono un economista, e posso ragionare solo usando il buon senso. "Scioperiamo", ci dicono gli ultimi arrivati, perché lo sciopero è un atto unilaterale. Si, va bene, ma se scioperiamo (non rispettiamo il Fiscal Compact n.d.r.) non abbiamo più la paga (i prestiti delle banche del nord n.d.r.), e allora come si fa? Niente paura, ecco la mandrakata: (video 27'04''): "Sto solo dicendo che l'idea di titoli di Stato che abbiano libera circolazione in quanto lo Stato garantisce... che si possano utilizzare come forma di pagamento delle imposte... cioè della costruzione di una seconda moneta violando palesemente i trattati, di questo si tratta, che però siano titoli di Stato italiani, quindi vadano a finanziare il debito pubblico, questa secondo me è una strada da praticare. E pensabile che quella roba lì abbia dei circuiti di circolazione attraverso il fatto che gli stipendi pubblici, una parte delle pensioni pubbliche, vengono pagati in titoli di Stato da 50 euro l'uno, che abbiano libero corso sul mercato? ... Sto... sto forgiando delle cose... però fermatemi... perché sto dicendo secondo me dei punti su cui bisogna ragionare! ". Per restare nella metafora, Ferrero ci sta dicendo: i soci periferici, quelli cioè che dall'essere in società con Fritz ci hanno rimesso invece che guadagnarci, e quindi si sono indebitati con lui, possono ipotecare una parte del loro patrimonio e, con i soldi ottenuti, continuare a pagare gli stipendi. Perché, pagando gli stipendi, essi potranno restare in società con Fritz e, quando 'a nuttata sarà passata ('a nuttata, si sa, prima o poi passa), ricominceranno a guadagnarci. Un po' meno di Fritz (questo Ferrero dimentica di dirlo), ma in qualche modo le cose si aggiusteranno.

    Riassumendo: il gruppo dirigente di RC per 27 anni non si è posto il problema della moneta unica, oggi finalmente comincia a capire che è tempo di parlarne ma, pur essendo il dibattito agli albori, ha già pronta una "soluzione intelliggggente": gli assignats! E' proprio vero che sono dei rivoluzionari! Talmente "rivoluzionari" che la loro strategia consiste nel "fa' passà 'a nuttata".

    E uscire dall'euro? Oh no! Su De Rica non si può!

    Il tramonto dell'euroEcco come Silvestro/Ferrero liquida le proposte di Alberto Bagnai (video 18'02''): "Io non penso, come Bagnai, che l'uscita dall'euro è, di per sé, risolutiva, perché questo, dietro di sé, ha in fondo una tesi, e cioè che il mercato di suo funzionerebbe, e che c'è una moneta che non si esercita su una zona omogenea, che questo è una distorsione del mercato, e se si riproduce la moneta sul versante congruo di applicazione il mercato ricomincia a funzionare magnificamente. Questa è quello che c'è dietro il ragionamento di Bagnai, che io non condivido. Penso che l'euro così come funziona per i trattati è un guaio, ma penso che il mercato non funziona nemmeno per idea e che quindi non è che uscendo dall'euro 'magicamente' si risolvono tutti i problemi. Voce fuori campo: 'è uno strumento per chi prende il potere nazionale però...' Poi ci arriviamo... io sto solo dicendo che quel sottotitolo (come e perché la fine della moneta unica salverebbe democrazia e benessere in Europa n.d.r.)... quel sottotitolo... secondo me... però, però... en passant... Io penso tutto il male possibile di quest'Europa fatta sui trattati di Maastricht e quant'altro. Il punto che abbiamo oggi è che oggi il dentifricio è fuori del tubetto, non è più dentro. Noi non stiamo più nella discussione se dobbiamo far uscire il dentifricio oppure no, il dentifricio è fuori, siamo nell'euro".

    Insomma Ferrero dice: per rimettere in funzione la domanda facciamo gli assignats (così il mercato ricomincia a funzionare), però non pensa, a differenza di Bagnai, che il mercato funzioni! Neppure per idea! Il mercato non funziona, però facciamo gli assignats, per rilanciare la domanda interna. Ma insomma, caro Silvestro/Ferrero, il mercato funziona o no? 

    cialis coupon cialis manufacturer coupon discount coupons for prescriptions
    gabapentin 100mg burning http://lensbyluca.com/100mg/burning gabapentin 100mg burning
    transfer prescription coupon totspub.com coupons for cialis
    abortion pro life open abortion procedures
    sumatriptan injection sumatriptan injection sumatriptan injection
    sumatriptan side effects sumatriptan side effects sumatriptan side effects
    discount coupons for prescriptions blog.nvcoin.com new prescription coupon
    minoxidil blog.dotnetnerd.dk minoxidil 5 lekarna

    Non ci sono commenti