L'eco della rete: Il precipitare degli eventi - n°3/2014
αPeriodico on-line di politica e cultura
Login - Registrati 
Links
  • La nuvola di EDR 
  • Claudio MartinoClaudio Martino

  • Mara MuscettaMara Muscetta


  • Randy PaperoRandy Papero


    - Tutti i video di Randy Papero - ForisennoTv
  • ARSCi libereremo!


  • Egodellarete align=

  • Blogs
  • Stampa mainstream
  • Stampa Internazionale
  • Informazione Ciociara
  • Banche dati
  •  
    Chiama la redazione con skype
    Fiorenzo Fraioli su Skype
    Chiama Ecodellarete.net - Chatta con  Ecodellarete.net

     La crisi dell’euro è un’occasione unica e irripetibile 01-06-2013
     CopyLeft: Stefano D'Andrea - ARS

    Per coloro che aspirano a ricostituire la Patria costituzionale la crisi dell’euro è un’occasione unica e irripetbile che non deve essere sprecata.

    Link correlato: INVITO, PROGRAMMA E LOGISTICA dell’ASSEMBLEA NAZIONALE dell’ARS Associazione Riconquistare la Sovranità – PESCARA 15 E 16 GIUGNO 2013

    where can i get the abortion pill online

    an abortion pill on line abortion pill
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill ordering abortion pills to be shipped to house
    buy abortion pill abortion pill abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    order abortion pill buy abortion pills online abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    online purchase abortion pill abortion pill where can i buy abortion pills
    ordering abortion pills to be shipped to house click where to buy abortion pill
    buy abortion pill online abortion pill where can you buy the abortion pill
    medical abortion pill online abortion pill where can i buy abortion pills
    abortion pill online abortion pill abortion pill online purchase
    abortion pill online abortion pill online purchase abortion pill online purchase
    buy abortion pill online abortion pill buy abortion pills online
    where can i get the abortion pill online where can you buy the abortion pill abortion pills
    abortion pro life open abortion procedures
    abortion pro life open abortion procedures
    cialis coupons 2015 click manufacturer coupons for prescription drugs
    sumatriptan injection sumatriptan injection sumatriptan injection
    sumatriptan side effects sumatriptan side effects sumatriptan side effects
    www bystolic com coupon coupon for bystolic bystolic patient assistance
    free printable cialis coupons discount coupons for prescriptions free cialis coupon 2016
    viagra online kaufen kosten viagra apotheek kosten viagra apotheek
    discount coupons for prescriptions coupons for cialis new prescription coupon
    new prescription coupon prostudiousa.com discount prescription coupons
    aidabella twodrunkmoms.com aida angebote
    seroquel dosierung karensmith.us seroquel nebenwirkungen
    augmentin injectable augmentin augmentin eureka
    cymbalta duloxetin cymbalta generika cymbalta
    claritin dosis go clarityne
    ventolin smpc onlineseoanalyzer.com ventolin sprej
    [Condividi] - [Nessun commento] - 

    Grazie all’introduzione dell’euro – che è stata un errore tecnico, non soltanto politico – e agli effetti nefasti che ha prodotto,  i cittadini italiani hanno cominciato a mettere in discussione il mercato unico e finanche la concorrenza, che è il “valore” (in realtà disvalore) sommo sul quale l’Unione europea è fondata. La critica della concorrenza internazionale reca con sé il dubbio sull”eccessiva apertura del sistema economico nazionale italiano.

    Non basta abbandonare il mercato unico e tornare al mercato comune, senza: a) limitare il numero degli stati partecipanti; b) sottrarre alla concorrenza, anche intra-europea, la finanza (banche, assicurazioni e quant’altro) e instaurare un sistema finanziario nazionale; c) sottrarre alla concorrenza, anche intra-europea, un certo numero di settori strategici che lo Stato italiano intenda promuovere; d) arrestare  e ripensare l’assurdo processo di uniformazione normativa, che non soltanto ha spinto l’Italia sistematicamente verso norme, principi e linguaggio estranei alla propria tradizione ma ha anche destrutturato l’ordinamento giuridico facendo ad esso perdere ogni organicità; e) ripudiare la libera circolazione dei capitali, che impone concorrenza fiscale, impedisce una imposizione veramente progressiva, vincola a tassare poco le rendite (altrimenti il capitale fugge), fa ricadere “fatalmente” l’imposizione fiscale sul lavoro, che è il fattore meno mobile (rispetto a impresa e capitale), e infine consente e promuove le delocalizzazioni e lo sradicamento dei cittadini italiani; f) vincolare gli stati partecipanti ad acquistare tecnologia militare esclusivamente da altri stati partecipanti e promuovere un’alleanza militare tra questi stati con eserciti separati (appartenenti ai singoli Stati) ma coordinati (senza esercito europeo, insomma).

    E’ necessario mandare al macero il mercato unico e re-instaurare un mercato comune che abbia almeno le caratteristiche segnalate. Insomma si tratta di tornare indietro rispetto alla CEE. Non direi invece che si debba tornare alla CEE come essa era al tempo in cui i Trattati europei non erano stati del tutto applicati (la libera circolazione dei capitali, in particolare, fu a lungo ritardata anche in ragione delle turbolenze monetarie degli anni settanta): che senso avrebbe mantenere principi che non si desiderano vigenti e non si vogliono applicare nel futuro? Quindi un eventuale futuro trattato europeo deve prevedere meno partecipanti, e comportare meno vincoli per gli Stati rispetto a quanti ne prevedeva il Trattato di Roma nonché due ulteriori vincoli sotto il profilo della promozione di un’alleanza militare e degli acquisti di tecnologia militare.

    Tutte le altre opzioni politiche, nella situazione di possibile implosione dell’Unione europea che si va delineando, sono mezzi per sorreggere il grande capitale internazionale, finanziario e non solo – il quale è scivolato sull’euro -, nonché l’europa di matrice atlantica e la NATO. Lo scricchiolio dell’Unione europea è anche potenzialmente scricchiolio della NATO.

    Questa è l’unica strada per la liberazione. Per tornare cittadini lavoratori con redditi dignitosi e non essere consumatori indebitati cronici, schiavi di un sistema finanziario che desidererebbe tornare a foraggiarci, rimediando all’”errore tecnico” compiuto. Per non dover lavorare molto più dei tedeschi e vedersi accusare, anche da connazionali, di essere lavativi. Per respingere al mittente i suggerimenti della tavola rotonda degli industriali europei (ERT) la quale ha deliberatamente perseguito, avvalendosi dell’Unione europea, la distruzione dei nostri sistemi scolastico e universitario. Per raggiungere nel medio tempo l’indipendenza nella politica degli acquisti delle fonti energetiche, nella politica internazionale in generale e di difesa in particolare.

    Si tratta di una prospettiva che non può vincere nel tempo breve?

    E’ un’obiezione inconsistente e perfino penosa. Quando mai una lotta o una battaglia importanti hanno avuto la possibilità di essere vinte in poco tempo? Oggi la prospettiva immediata non è la vittoria. La vittoria è la prospettva futura. Oggi la prospettiva immediata è il Risveglio, dopo venticinque anni di instupidmento, di credito facile e promozione dell’indebitamento delle famiglie, di televisione commerciale, di sedativi, di promozione dell’individualismo, del narcisismo, di precarizzazione del lavoro e destabilizzazione delle famiglie, di valorizzazione delle rendite delle vincite e dei grandi profitti a scapito del lavoro, di depressione sociale e culturale.

    Oggi la prospettiva immediata è approfittare della crisi per dar vita a un movimento sovranista, che in pochi anni raggiunga il 10% dei consensi e si affermi come stabile forza politica, capace di tirar fuori dal popolo italiano le migliori giovani energie che quest’ultimo è in grado di generare.

    Il resto verrà: intanto perché si avrà la possibilità di parlare stabilmente al popolo, con un linguaggio nuovo e con parole d’ordine nuove, che lo sveglieranno dal torpore nel quale è stato lasciato cadere per troppo tempo da tutta la sciagurata classe politica della seconda repubblica – in realtà del secondo ventennio -, già inesorabilmente condannata dal tribunale della storia; in secondo luogo, perché il popolo, come sa chiunque parli piacevolmente e frequentemente con le persone comuni, è in cerca di un’offerta politica che attualmente manca. Il popolo non ha ancora chiaro cosa stia cercando ma sta scrutando e ha cominciato a riflettere. Il popolo ha  capito che c’è qualcosa che non va in ciò che a lungo ha creduto, e quindi nelle parole d’ordine ingannatrici, ormai logore. Spetterà al movimento sovranista indicare quali sono le catene, quali sono stati gli errori e quale deve essere la prospettiva.

    where can i get the abortion pill online

    http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill on line abortion pill
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online buy cytotec for 24 week abortion ordering abortion pills to be shipped to house
    buy abortion pill abortion pill online abortion pill
    order abortion pill where can i get the abortion pill online abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    abortion pill online abortion pill abortion pill online purchase
    abortion pill buy online click here buy cytotec for 24 week abortion
    cialis coupon cialis manufacturer coupon discount coupons for prescriptions
    generic for bystolic generic bystolic alternative bystolic discount coupon
    acheter viagra generique pas acheter viagra generique pas acheter viagra generique pas
    side effects viagra high blood pressure http://viagraforsaleuk1.com buy viagra

    Non ci sono commenti