L'eco della rete: Il precipitare degli eventi - n°3/2014
αPeriodico on-line di politica e cultura
Login - Registrati 
Links
  • La nuvola di EDR 
  • Claudio MartinoClaudio Martino

  • Mara MuscettaMara Muscetta


  • Randy PaperoRandy Papero


    - Tutti i video di Randy Papero - ForisennoTv
  • ARSCi libereremo!


  • Egodellarete align=

  • Blogs
  • Stampa mainstream
  • Stampa Internazionale
  • Informazione Ciociara
  • Banche dati
  •  
    Chiama la redazione con skype
    Fiorenzo Fraioli su Skype
    Chiama Ecodellarete.net - Chatta con  Ecodellarete.net

    We few, we happy few,
    we band of brothers
     Il teorema e il corollario 12-07-2013
     CopyLeft: Fiorenzo Fraioli - direttivo nazionale ARS

    Essere o non essere, questo è il problema.
    Se sia più nobile sopportare
    le percosse e le ingiurie di una sorte atroce,
    oppure prendere le armi contro un mare di guai
    e, combattendo, annientarli.

    abortion pills how to order the abortion pill online where can you buy the abortion pill

    where can i get the abortion pill online

    an abortion pill on line abortion pill
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online buy cytotec for 24 week abortion ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online buy cytotec for 24 week abortion ordering abortion pills to be shipped to house
    buy abortion pill abortion pill abortion pill
    order abortion pill buy abortion pills online abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    online purchase abortion pill open where can i buy abortion pills
    ordering abortion pills to be shipped to house medical abortion pill online where to buy abortion pill
    where can you buy the abortion pill abortion pill where to buy abortion pills online
    medical abortion pill online how to order the abortion pill online where can i buy abortion pills
    abortion pill online read here abortion pill online purchase
    buy abortion pill online where can i get the abortion pill online buy abortion pills online
    cvs promo cvs for sale cvs weekly sales
    bystolic copay savings card read tudorza patient assistance
    how late can you get an abortion 1world2go.com over the counter abortion pill
    sumatriptan side effects sumatriptan side effects sumatriptan side effects
    bystolic click bystolic generic name
    generic for bystolic generic bystolic alternative bystolic discount coupon
    online cialis coupons open prescription savings card
    cialis dosage recommended link cialis dose 40
    erectiepillen zonder recept http://viagrapillenkruidvat.com viagra nl bestellen
    cheapest place to buy viagra online http://viagraforsaleuk1.com side effects of viagra pills
    seroquel dosierung seroquel dosierung seroquel nebenwirkungen
    teratom come2belgrade.com terabyte
    [Condividi] - [Nessun commento] - 

    Per qualche ragione, in una parte dell'habitat social nel quale sono inserito, si sta diffondendo sempre più la convinzione che l'unica cosa da fare sia quella di fornire e diffondere un'informazione corretta sui fatti economici, così da contrastare la propaganda del fronte eurista (con felice intuizione ribattezzato PUD€ - Partito Unico Dell'€uro). Solo se si riesce a far circolare un'informazione corretta su quello che è accaduto - e sta ancora accadendo, si argomenta - sarà possibile un cambiamento. A quel punto, dicono i sostenitori di questo teorema, "qualcosa accadrà".

    Un corollario del teorema è che muoversi prima è sbagliato. Dunque, chiunque tenti di costruire un movimento politico, prima che la verità sia sufficientemente diffusa è, nella migliore delle ipotesi, un ingenuo, e nella peggiore un opportunista. Credo che il mio fermo dissenso sul teorema e sul suo corollario mi siano costati un'amicizia.

    SigmoideE' ovvio che la diffusione di una corretta interpretazione degli avvenimenti, non solo degli ultimi anni ma anche degli ultimi decenni del secolo scorso (almeno a partire dall'inizio degli anni settanta), sia un passaggio obbligato; al quale mi sto dedicando da anni, insieme con un numero crescente di bloggers e frequentatori dei social networks. Qualche segnale comincia a rendermi meno pessimista di qualche mese fa, e comincio a pensare che, forse, stiamo arrivando in prossimità del punto in cui la curva logistica (sigmoide) inizia ad impennarsi. L'ultimo è un articolo, comparso oggi sul Sole24ore, dal titolo "La Commissione Ue «sfiducia» i giornalisti", nel quale ci viene riferito che "La Commissione europea non è affatto soddisfatta di come i media coprono i lavori dell'Unione in tempi in cui si assiste ai terribili effetti sociali della peggior crisi economica dell'eurozona dai tempi della Seconda guerra mondiale. Così Bruxelles ha deciso di lanciare un proprio servizio indipendente per fornire notizie accurate sull'attività della Commissione stessa completo di «editor, web designer e di esperti in giornalismo e giornalisti»". Meraviglioso, musica per le mie orecchie: gli eurofascisti pensano di fermare il vento della verità con un EuroMinCulPop!

    Penso, tuttavia, che la sola diffusione della verità non basti. Sarebbe come se, durante la seconda guerra mondiale, gli italiani fossero stati sì informati del fatto che ci eravamo alleati con dei criminali e che la guerra era persa, senza però che nascesse un CLN! Chi commette un errore simile è, a mio giudizio, nella migliore delle ipotesi un ingenuo e, nella peggiore, un opportunista. E con questo credo di aver rinfocolato una sana inimicizia.

    Oggi, come allora, la Patria è in mortale pericolo, perché una esigua minoranza di soggetti, i quali però detengono gran parte del potere e della ricchezza, ha scelto di privare la stragrande maggioranza non solo di ogni forma di potere reale e di un livello dignitoso di vita, ma ha deliberatamente sferrato un attacco allo Stato, con l'obiettivo di ridurne le funzioni a quelle di un ente puramente amministrativo. In pratica l'Italia, come tutte le nazioni europee compresa la Germania, è diventata una colonia del grande capitale globalista. Complice di questo processo sono stati, oltre al ben noto PD, anche il PDL berlusconiano, del quale ricordiamo la feroce repressione messa in campo a Genova nel 2001, come pure la Lega Nord, come dimostra senza ombra di dubbio la votazione unanime per la ratifica del trattato di Lisbona (vedi anche qui) nell'agosto 2008. La conseguenza di questa lettura dei fatti, che è opposta a quella secondo cui ciò che è avvenuto è semplicemente il frutto di un'evoluzione scoordinata delle forze del mercato, implica la necessità di affiancare, e forse far precedere alla pur necessaria opera di controinformazione, lo sforzo di creare organizzazioni politiche in grado di contrastare un deliberato disegno politico, che è di natura intimamente antidemocratico, e quindi fascista. Anzi, eurofascista.

    Il pericolo, ove tali sforzi non si concretizzassero a breve, è quello di assistere a una sconvolgente operazione di trasformismo, di cui già si colgono i primi segnali. L'ottimo Mattia Corsini, al quale tutti dobbiamo essere grati per la caparbietà con cui è riuscito ad imporre al M5S di riflettere (quantomeno) sull'euro, ce ne ha offerto un esempio nel suo ultimo post: Come volevasi dimostrare (1): Silvio reloaded!.

    Ora, poiché le forze sociali che sono state ingannate e oppresse dal deliberato attacco allo Stato, sferrato dal grande capitale globalista, non sono certo omogenee, è necessario che nascano più organizzazioni politiche, dal basso, in rappresentanza delle diverse componenti del corpo sociale. La cui azione, però, dovrà trovare un momento di sintesi nella formazione di un Fronte Ampio, il quale, per la natura della battaglia politica che dovrà affrontare, non potrà che avere una bandiera comune: il sovranismo, termine che oggi denota l'amore per la libertà della Patria, il senso di identità del popolo italiano e la difesa della democrazia.

    Dunque, un Fronte Ampio Sovranista, nel quale possano convergere tutte le organizzazioni politiche che, pur in rappresentanza di forze sociali e interessi di parte che, in una fase successiva, potranno, anzi dovranno, dividersi, sappia raccoglierle e coordinarle in un'azione politica comune finalizzata all'obiettivo di sconfiggere il globalismo, per ricostituire lo Stato della Repubblica Italiana.

    Il ruolo del M5S

    Nel quadro testé delineato c'è una grande incognita: il M5S, le cui posizioni ondivaghe, e una lettura sostanzialmente non condivisibile delle ragioni di questa crisi sistemica, sono di tanto in tanto rischiarate da improvvise dichiarazioni di Grillo, improntate a una forte critica dell'euro e dell'Unione Europea. Seguiamo con attenzione il dibattito interno al M5S, pronti a cogliere ogni segnale positivo, ma il dubbio resta. Vero è che le ultime esternazioni di Grillo, dopo l'incontro con Napolitano, sembrano segnare un'accelerazione della critica all'eurosistema, ma è necessario che questa tendenza si rafforzi senza che venga interrotta, proprio quando si comincia a ben sperare, da improvvidi post alla benettazzo sul blog di Beppe. Potrebbe trattarsi, come sostiene qualcuno, di tatticismo politico, ma anche della più ambigua delle operazioni politiche messe in campo dalle menti raffinatissime del fronte eurista.

    In ogni caso, anche se il M5S effettuasse una svolta in senso sovranista della sua politica, sarebbe sbagliato pensare che, siccome c'è già il M5S, tanto vale sostenerlo senza far nascere altre organizzazioni politiche. Sarebbe un errore esiziale, sia perché la complessità del quadro sociale, politico ed economico italiano non può essere costretta e confinata all'interno di una sola forza politica - che a quel punto non potrebbe non avere una natura profondamente interclassista - sia perché è necessario, qualora il M5S si dichiarasse apertamente sovranista, e per il suo stesso bene, non consegnare nelle mani di Grillo, e del suo ristretto staff, il monopolio dell'opposizione al PUD€.

    Nota finale per gli scoraggiati

    Sempre più spesso leggo commenti improntati al più deleterio pessimismo, nei quali viene sostenuta la tesi secondo cui ogni sforzo sarebbe vano perché l'avversario è troppo forte e la gente non capisce e non capirà mai. A costoro ho una cosa da dire: se non avete voglia di mettervi in gioco, se pensate che tutto sia inutile, allora perché vi prendete la briga di venire a spandere il vostro pessimismo, quando non derisione, sulle teste di coloro che non hanno nessuna intenzione di arrendersi? Forse che in battaglia si va solo se si è certi di vincere? E in tal caso, dove sarebbe la gloria?

    Discorso di Enrico V: "Noi pochi, noi felici pochi" - preludio alla battaglia di Azincourt

    where can i get the abortion pill online

    i need to buy the abortion pill on line abortion pill
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    buy abortion pill abortion pill abortion pill
    order abortion pill buy abortion pills online abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    ordering abortion pills to be shipped to house abortion pill where to buy abortion pill
    ordering abortion pills to be shipped to house abortion pill where to buy abortion pill
    buy abortion pill online abortion pill buy abortion pills online
    buy abortion pill online where can i get the abortion pill online buy abortion pills online
    bystolic coupons bystolic add on copay card bystolic discount card
    bystolic savings card bystolic free trial coupon bystolic free trial coupon
    abortion clinics in indianapolis link abortion support
    bystolic daliresp patient assistance bystolic generic name
    acheter viagra generique pas acheter viagra generique pas acheter viagra generique pas
    cialis sample coupon crmsociety.com coupon for prescriptions
    euthyrox wirkstoff link euthyrox 25

    Non ci sono commenti