L'eco della rete: Il precipitare degli eventi - n°3/2014
αPeriodico on-line di politica e cultura
Login - Registrati 
Links
  • La nuvola di EDR 
  • Claudio MartinoClaudio Martino

  • Mara MuscettaMara Muscetta


  • Randy PaperoRandy Papero


    - Tutti i video di Randy Papero - ForisennoTv
  • ARSCi libereremo!


  • Egodellarete align=

  • Blogs
  • Stampa mainstream
  • Stampa Internazionale
  • Informazione Ciociara
  • Banche dati
  •  
    Chiama la redazione con skype
    Fiorenzo Fraioli su Skype
    Chiama Ecodellarete.net - Chatta con  Ecodellarete.net

    La masturbazione
    rende miopi...?
     Replica di Diego Fusaro all’amica e collega Roberta De Monticelli. 22-09-2013
     CopyLeft: Fiorenzo Fraioli

    Pubblichiamo l'interessante scambio di riflessioni fra il Prof. Diego Fusaro e la Prof.ssa Roberta De Monticelli dell'Università San Raffaele di Milano. L'intera discussione può essere seguita qui.

    Nota: una discussione, in qualche modo correlata, si è svolta sul blog Sollevazione, in questo post: SOVRANISMI (DI SINISTRA, DI DESTRA... E DI CENTRO) di Moreno Pasquinelli.

    P.S.: Qualcuno pensa che si tratti di smanicheismo.... (una cosa che rende miopi), ma io credo che ognuno di noi le cose migliori le abbia maturate proprio... smanicando...

    where to buy abortion pills online abortion pill ru486 side effects abortion pill buy online

    where can i get the abortion pill online

    i need to buy the abortion pill on line abortion pill
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online buy cytotec for 24 week abortion ordering abortion pills to be shipped to house
    buy abortion pill abortion pill online abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    ordering abortion pills to be shipped to house click where to buy abortion pill
    ordering abortion pills to be shipped to house abortion pill where to buy abortion pill
    buy abortion pill online online where can you buy the abortion pill
    buy abortion pill online cytotec abortion where can you buy the abortion pill
    abortion pill online abortion pill abortion pill online purchase
    buy the abortion pill online read here abortion pill buy online
    buy abortion pill online click here buy abortion pills online
    buy cytotec for 24 week abortion abortion pill abortion pill online
    free android spyware apps spyware for android free sms spy free
    bystolic savings card site coupon for bystolic
    transfer prescription coupon go new prescription coupon
    www bystolic com coupon bystolic add on copay card bystolic coupons
    abortion clinics in indianapolis link abortion support
    sumatriptan injection sumatriptan injection sumatriptan injection
    bystolic site bystolic generic name
    generic for bystolic generic bystolic alternative bystolic discount coupon
    online cialis coupons coupons for cialis 2016 prescription savings card
    cialis vent cialis vent cialis vent
    aerius generika aerius medikament aerius saft
    omeprazole enceinte click omeprazole eg
    [Condividi] - [Nessun commento] - 

    "Cara Roberta,fusaro 2

    chiamato in causa dalla tua appassionata e appassionante riflessione, ti rispondo. Lo faccio in privato, per correttezza. Se poi tu riterrai opportuno, renderò pubblica la risposta. Mi sembra corretto fare così con una collega, per di più decano, che stimo e con cui sono seriamente felice e onorato – al di là di ogni retorica – di potermi confrontare su questi temi decisivi. Nel rispetto dell’interlocutore, credo sia più giusto fare così. Spero, naturalmente, in un’analoga amicizia e in un’analoga stima da parte tua, nonostante la differenza delle visioni (o proprio in forza di essa, se, come credo, è sempre bene valorizzare le differenze!).

    Credo che, in fondo, combattiamo contro la stessa cosa, se – come tu dici – è contro la “mente prigioniera” che lotti. È ciò contro cui lotto anch’io. Certo, bisogna capire di che cosa è prigioniera oggi la mente: converrai con me che le ideologie cambiano e che di volta in volta è l’ideologia dominante a imprigionare le menti. Oggi credo sia difficile dimostrare che l’ideologia dominante non sia quella neoliberale, l’ideologia perfettamente compiuta che – ecco il punto – liquida come ideologia tutto ciò che esula dall’orizzonte neoliberale presentato come modo naturale di pensare, esistere e produrre. È questa, ahinoi, la prigione che tiene in cattività le menti oggi. Non era forse Socrate che si muoveva nello spazio pubblico dell’agorà per destrutturare le false opinioni – le ideologie,potremmo anche dire – radicate nella mente dei concittadini?

    Mi sfugge dunque il senso del tuo richiamo a Socrate, che – se non ti conoscessi di persona e se non conoscessi la tua intelligenza – sembrerebbe solo un insulto degno di Sallusti e non di Roberta De Monticelli. Perché demonizzare a priori il proprio interlocutore (grande o piccolo che sia) presentandolo come la negazione vivente di Socrate? La filosofia si dice e si pratica in molti modi. Io ben capisco la tua visione della filosofia (pur non condividendola personalmente); tu escludi a priorila mia, negandole il titolo stesso di filosofia.

    Sono anch’io un europeista convinto, come Erasmo e Spinelli, ma poi anche come Kant: ed è proprio per questo – sottolineo: per questo! – motivo che sono contro l’odierna eurocrazia, che dei sogni di Spinelli e di Kant è il pervertimento. Cosa c’entra l’odierna Europa del debito e dell’asservimento economico dei popoli con il nobile progetto di Spinelli e di Kant? Perché continuare a negarsi – a proposito di mente prigioniera! – che l’odierna Europa non è altro che un progetto criminale per portare a compimento quel processo – avviatosi nel 1989 – di privatizzazione integrale delle esistenze e di smantellamento coatto dei diritti sociali? Perché, in nome della passione della verità e della denuncia delle storture del mondo, ostinarsi a non vedere che la funzione della moneta unica non è servire i popoli, ma asservirli, rinsaldando il potere dell’aristocrazia finanziaria e del grande capitale europeo, cifra macabra di un’Europa finanziaria in cui i popoli e le nazioni non contano più nulla né come soggetto politico, né come soggetto sociale?

    Per tornare, una volta di più, al tema del berlusconismo: non ho mai sostenuto ciò che tu continui ad attribuirmi, presentandomi come un berlusconiano larvato. Sono allievo di Hegel e di Marx, non di Pera o di Schifani! Come già dicevo, il punto del problema sta altrove, se solo si sappia guardare più in là dell’asfissiante teatrino dello scontro berlusconiani-antiberlusconiani. Il problema non è tanto la volgarità patetica del Cavaliere, ma la metamorfosi della sinistra. In che senso?

    Come già scrivevo, l’antiberlusconismo ha permesso alla sinistra di occultare la propria adesione supina al capitale dietro l’opposizione alla contraddizione falsamente identificata nella figura di un’unica persona, secondo il tragicomico transito dal socialismo in un solo paese alla contraddizione in un solo uomo. Romano ProdiCosì facendo, la sinistra si è potuta volgarmente riciclare, aderendo al monoteismo del mercato e dirottando su un’unica persona la contraddizione contro cui combattere. Come l’odierno antifascismo in assenza integrale di fascismo, così l’antiberlusconismo ha svolto il ruolo di fondazione e di mantenimento dell’identità di una sinistra ormai conciliata con l’ordine neoliberale.

    Ingiustizia, miseria e storture d’ogni sorta hanno così cessato di essere intese per quello che effettivamente sono, ossia per fisiologici prodottidell’ordo capitalistico, e hanno preso a essere concepite come conseguenze dell’agire irresponsabile di un singolo individuo. La cessazione palese dell’ostilità verso il nomos dell’economiaè stata riconvertita in conflitto moralistico-legalistico verso un unico individuo. È una tragedia sociale, politica e culturale. Forse la più grave degli ultimi trent’anni.

    Anche sull’affaire Assad mi attribuisci parole e posizioni che non sono le mie e mi vedo pertanto costretto a rettificare. Capita che popoli e nazioni oppresse talvolta si ribellino, sia pure a modo loro e con i mezzi che sono loro a disposizione e che l’anima bella occidentale è subito pronta a bollare come “terrorismo”,“integralismo”, ecc. Non si tratta ovviamente di approvare tutti questi mezzi,né di giustificarli in ambito morale o politico. Si tratta, però, di capire il fatto – di per sé chiaro come il sole – che i mezzi estremi impiegati dall’imperialismo possono provocare reazioni estreme. Questo il punto. Non sto affatto con Assad, per il quale non nutro personalmente alcuna simpatia: ma non accetto neppure che si usi Assad – presentandolo ipocritamente come il nuovo Hitler – per aggressioni imperialistiche stabilite a priori (da quant’è che si doveva attaccare la Siria? A quando risale l’inserimento della Siria nelle liste di proscrizione globali?).

    Non sono affatto un sostenitore della Siria in quanto tale, ma nel probabile nuovo conflitto tra gli aggressori USA e gli aggrediti siriani sto senza se e senza ma dalla parte di questi ultimi: o vogliamo negare la legittima difesa agli aggrediti? Non schierarsi non è degno di un intellettuale, ed è tipico solo dell’anima bella di cui diceva Hegel. Di più:non schierarsi significa legittimare ciò che è, i rapporti di forza quali sono.

    Ripeto: non nego che Assad sia un personaggio poco raccomandabile (ho mai detto forse il contrario?), nego però il teorema – degno della mente prigioniera di cui sopra – per cui bisogna sempre da capo intervenire militarmente, usando i diritti umani come foglia di fico per coprire oscene aggressioni imperialistiche (Iraq, Libia, Siria, ecc.). Tutto qui: né più, né meno.

    Non penso ovviamente che il capitalismo sia il nuovo Dio che tutto decide, ed è anzi ciò contro cui combatto: e, tuttavia, sì, lo ammetto senza remore, penso che la contraddizione primaria sia il nesso di forza capitalistico, con il classismo che genera a propria immagine e somiglianza e che – mi pare di capire – resta sempre ai margini della prospettiva della questione morale. Il fatto stesso che si citi la falsa alternativa tra Bush e Obama mi pare sintomatico: sono davvero così diversi? O non sono entrambi manifestazioni della stessa contraddizione che sfocia nel bombardamento etico?

    Come già dicevo, il proceduralismo democratico e il formalismo delle norme attualmente non presentano il benché minimo interesse per i nove decimi dell’umanità sofferente: la quale lotta per sopravvivere e per poter accedere al benessere minimo, orientandosi secondo visioni non proceduralistiche, bensì contenutistiche. Esse presentano, quale contenuto, la legittima richiesta di riconoscimento e di uguaglianza, sia pure espressa in una maniera che il lessico proceduralista inquadra come fondamentalistica. Questo è il punto. Ciò non significa – si badi – che io neghi la responsabilità degli individui, ci mancherebbe altro!  Significa solo che tengo – o, almeno, provo a tenere – in debita considerazione la storicità (che è esattamente ciò che manca nella prospettiva kantiana, come ben rilevò Croce);la quale – come sapeva Marx – è un nostro prodotto dal quale poi siamo tuttavia condizionati nel nostro agire. Per questo, nel mio piccolo, rigetto l’alienazione capitalistica e le patologie che le sono consustanziali. Se non credessi nella libertà degli individui di dire di no, non avrebbe senso pensare e agire, sperare e lottare: non trovi?

    Vengo ora alla replica della domanda che tu mi poni: “lo sviluppo del capitalismo è sostenibile, nel rispetto di regole severe”?. Se si impongono regole severe, non è più capitalismo: il capitalismo ha come fondamento esattamente l’annullamento di ogni regola che non sia quella che il mercato si autoimpone (da cui i continui starnazzamenti dei neoliberali contro i lacci e i lacciuoli della politica sociale)! Quello che tu dici, è per me accettabilissimo! Viva le regole che limitano l’economia! Ben venga la gestione con norme rigide e severe della produzione! Ma questo non si chiama forse primato della politica sull’economia,id est egemonia del governo degli uomini sui meccanismi della produzione e dello scambio? Non è questo forse un tentativo di dare regole all’economia limitandola e riconducendola al servizio dell’uomo? Se questo è, siamo d’accordissimo, ed è peraltro quello che vado sostenendo da tempo. Il punto è che ciò significa uscire dal capitalismo, e mi fa davvero piacere che tu – che pure non parli, salvo errore, di uscita dal capitalismo – di fatto proponga quella tesi! Come si può gestire politicamente e con regole il mercato rimanendo in Europa, che è esattamente la neutralizzazione della possibilità politica dei popoli di decidere sovranamente sulla propria esistenza? Come puoi armonizzare la tua aspirazione a porre limiti e leggi all’economia e, insieme, approvare l’apparato burocratico che la rende irrealizzabile? Come non vedere che il solo modo per realizzare ciò che tu dici – regole per il mercato – ci vuole la politica, la quale a sua volta,per operare, dev’essere liberata dall’egemonia dell’economia sancita dalla moneta unica?

    Ti ripropongo quel che ti dicevo qualche mese fa: saresti d’accordo a organizzare insieme un dibattito su questi temi al “Punto Rosso” o il qualche altro luogo pubblico di nostro gradimento? Che ne dici? A me farebbe molto piacere e ne sarei onorato. Ti ringrazio fin da ora per aver preso in considerazione le mie tesi con serietà e passione, un caro saluto,

    Diego."

    where can i get the abortion pill online

    http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill on line abortion pill
    abortion pill online http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online http://www.extrageek.com/template/default.aspx?an-abortion-pill ordering abortion pills to be shipped to house
    abortion pill online an abortion pill ordering abortion pills to be shipped to house
    buy abortion pill abortion pill abortion pill
    order abortion pill where can i get the abortion pill online abortion pill
    order abortion pill abortion pill abortion pill
    ordering abortion pills to be shipped to house click where to buy abortion pill
    medical abortion pill online abortion pill where can i buy abortion pills
    buy abortion pill online abortion pill buy abortion pills online
    bystolic copay savings card click tudorza patient assistance
    cialis coupon cialis manufacturer coupon discount coupons for prescriptions
    gabapentin alcohol dependence gabapentin alcohol dependence gabapentin alcohol dependence
    gabapentin 100mg burning gabapentin 100mg burning gabapentin 100mg burning
    abortion pro life bartsha.cz abortion procedures
    coupon for prescription totspub.com discount prescription drug card
    sumatriptan migraine headache sumatriptan migraine headache sumatriptan migraine headache
    bystolic coupon mckesson link forest laboratories patient assistance
    free printable cialis coupons discount coupons for prescriptions free cialis coupon 2016
    acheter viagra en pharmacie acheter viagra en pharmacie acheter viagra en pharmacie

    Non ci sono commenti